Archivio mensile:novembre 2011

A che punto è il processo Mills


Altra udienza ieri al palazzo di Giustizia milanese per la vicenda Mills, alla quale ha preso parte anche l’imputato, l’ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, accusato di corruzione in atti giudiziari, per aver versato 600mila dollari all’avvocato David Mills per garantirsi il suo silenzio ai due processi relativi alle tangenti alla guardia di finanza per la questione All Iberian. Nello specifico, secondo l’accusa, Mills venne pagato per non dichiarare quanto sapeva sulla proprietà e il controllo di società offshore di Fininvest B group, e quindi per non rivelare che di queste erano diretti beneficiari Silvio Berlusconi, Carlo Bernasconi, produttore cinematografico morto nel 2001 e strettissimo collaboratore di Berlusconi, e Livio Gironi, allora tesoriere della Fininvest. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , ,

Il Pigneto ricorda. Il Pigneto dimentica.

Alcuni lo ricordano ancora
mentre accende una sigaretta,
altri ne hanno fatto un monumento
per dimenticare un pò più in fretta»

Francesco De Gregori, Festival (1976)

Uno Stato è una nazione quando ha dei luoghi della memoria e delle date simbolo nelle quali si ricordano eventi che hanno marcato la vita del Paese – avete mai provato a pensare alla Germania senza legarla alla caduta del Muro di Berlino?

Leggi QUI l’articolo su Dissonanze

Contrassegnato da tag , , ,

La Regione Lazio scopre l’acqua calda e se ne vanta.

Ieri, 25 novembre, è stata celebrata la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, istituita dall’Onu nel 1999 tramite una risoluzione che invita governi, organizzazioni internazionali e ong a pianificare attività per la sensibilizzazione dell’opinione pubblica su un tema ancora troppo spesso sottovalutato, ma non debellato, come dimostra l’esistenza di numerose associazioni contro la violenza di genere e i diversi comunicati e report di Amnesty International. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , ,

Matrimoni gay in chiesa: in Danimarca si può

A 22 anni dalla legge che autorizzò, per la prima volta in un Paese, le unioni civili fra persone dello stesso sesso, la Danimarca fa un altro passo verso l’uguaglianza, riconoscendo il diritto degli omosessuali a contrarre matrimonio anche davanti alla chiesta luterana di stato. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , ,